Converse Bianche Alte - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Converse Bianche Alte | Spedizione Gratuita

Irving Penn è stato un grande fotografo di moda, conosciuto soprattutto per il lavoro nella celebre rivista Vogue, di cui ha scattato più copertine di tutti ( 165 dal 1943 al 2009, lavorando per la rivista 66 anni) e i cui scatti fanno parte delle collezioni dei più grandi e importanti musei di tutto il mondo, Fino al 30 luglio il Met Museum di New York ospita una grande retrospettiva dedicata ai 100 anni dalla sua nascita, Penn nacque nel 1917 a Plainfield, in New Jersey, e iniziò a lavorare come grafico a New York alla fine degli anni Trenta, Dopo aver lavorato come assistente del fotografo Alexey Brodovitch per la rivista Harper’s Bazaar, nel 1943 arrivò a Vogue, e l’allora leggendario direttore artistico Alexander Lieberman lo convinse a realizzare le prime copertine per la rivista, Penn continuò a lavorare per Vogue fino alla morte, nel 2009 (a 92 anni), fotografando di tutto: servizi di moda, ritratti, cosmetici, nudi, still life, Penn fu anche tra i primi fotografi a far posare i suoi modelli davanti a uno sfondo grigio o bianco, semplice e austero, e quando si parla delle fotografie di Irving Penn si parla quindi di foto scattate rigorosamente in studio (o in una tenda da viaggio che serviva allo stesso scopo): i suoi modelli sono sempre immobili in pose studiate nei minimi dettagli e con una grande cura nelle sfumature dei colori, nei volumi e nella tecnica di stampa, Lo sfondo preferito di Penn era una vecchia tenda di teatro converse bianche alte trovata a Parigi, dipinta con diffuse nubi grigie, che usò per 60 anni..

Alla mostra c’è di tutto: i ritratti di venditori di giornali ambulanti, straccivendoli e spazzacamini, cioè di quei mestieri che – secondo Penn – sarebbero presto scomparsi; quelli di grandi personaggi del mondo dell’arte, della letteratura e del cinema affiancati ai reportage etnografici sulle tribù della Nuova Guinea e converse bianche alte del Marocco, e alle fotografie di natura morta, Tra le fotografie in mostra ce ne è una, tra le più famose di Penn, che racconta sia un pezzo della sua storia personale che della storia della moda: si intitola Rochas Mermaid Dress e ritrae Lisa Fonssagrives-Penn – ballerina, modella e moglie di Penn dal settembre 1950, poche settimane dopo che venne scattata la foto – in un abito a sirena dello stilista Marcel Rochas, Penn scattò la foto a Parigi, dove si trovava per seguire le collezioni di alta moda per Vogue..

Lisa Fonssagrives è ricordata dagli addetti al settore come la prima super-modella: nacque in Svezia nel 1911 e posò per grandi fotografi come Horst P, Horst, Man Ray e Richard Avedon, Quando alla fine degli anni Quaranta le modelle guadagnavano dai 10 ai 25 dollari all’ora, lei ne guadagnava più di 40, scrive il New York Times, e per questo motivo fu la prima a comparire sulla copertina di TIME, nel 1949, Lei commentava il suo successo dicendo: «È sempre l’abito, non è mai, mai, la ragazza, Sono solo un buon converse bianche alte appendiabiti», Fonssagrives e Penn si conobbero nel 1947 sul set di un’altra celebre fotografia di Penn che ritrae 12 delle modelle più richieste del tempo (si può vedere qui ) e si sposarono a Londra nel settembre 1950: ebbero un figlio, Tom Penn, che si aggiunse alla figlia che Lisa Fonssagrives aveva avuto dal precedente matrimonio, Nel corso della sua carriera Penn scattò tantissime foto a Fonssagrives, che era l’ispirazione e il soggetto di molte delle sue immagini più famose, creando una delle relazioni personali e professionali più proficue nella storia della moda..

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo. E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove. Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli. È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.

È stata causata dall'incendio di un deposito di rifiuti e si sta spostando da Pomezia verso nord, ma per ora non ci sono pericoli per la salute Dieci foto dalla mostra che ripercorre la carriera del fotografo statunitense e presenta in anteprima mondiale la sua ultima serie "New World" Hanno vinto "La Bella e converse bianche alte la Bestia" e "Stranger Things", mentre il bacio più bello è quello di "Moonlight".

Le sfilate di Chanel sono tra le poche che riescono a interessare anche chi è estraneo al mondo della moda: i vestiti e gli accessori, disegnati dal direttore creativo Karl Lagerfeld, sono solo una parte di questo successo, assicurato dalla presenza in passerella delle modelle del momento – come le sorelle Bella e Gigi Hadid e Cara Delevingne – e delle celebrità più famose tra gli spalti, e dalla scenografia che fa da cornice; negli anni si sono visti supermercati, aeroporti, casinò, server e Parigi ricreata a Cinecittà.

Mercoledì Lagerfeld ha ambientato la collezione cruise primavera-estate intitolata “Modernity of Antiquity” (“la modernità dei tempi antichi”) in un’Antica Grecia immaginaria allestita al Grand Palais di Parigi, dove le modelle – vestite in peplo, con coroncine di alloro tra i capelli e tantissimo oro ovunque – hanno sfilato tra templi in rovina, ulivi e un tramonto sul mare come sfondo: metterla in piedi ha converse bianche alte richiesto tre settimane di lavoro a 50 artigiani e nove giorni di assemblaggio..

La ricostruzione della scenografia, così come la creazione degli abiti, non ha nessuna ambizione storiografica converse bianche alte e realistica, nelle parole dello stesso Lagerfeld: «La realtà non mi interessa, Io uso quel che mi piace, La mia Grecia è un’idea», Alexander Fury scrive sul New York Times  che «la collezione si è aperta con una sequenza di tweeds pelosi e sfilacciati nei classici colori Chanel, come tabacco, beige e caramello, C’erano richiami all’antica Grecia, ma questi vestiti non volevano mettere in scena un dramma in costume, Colonne e toghe a parte, la sfilata è stata fluida, luminosa e perfetta per il momento»..



Messaggi Recenti