Hogan Active One - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Hogan Active One | Spedizione Gratuita

In 60 anni di carriera Lagerfeld è riuscito a mantenere uno spirito indipendente e a imprimere al suo lavoro un suo stile riconoscibile, al di là delle case di moda per cui ha lavorato: «sembra più un grandioso regista cinematografico che uno stilista – scrive O’Hagan – Non ha mai voluto un’azienda tutta sua, voleva solo infondere al suo lavoro un carattere bello e riconoscibile, Ed è proprio quello che continua a fare, Ha l’attenzione di un regista per il dettaglio, la storia e il fascino, ed è questo hogan active one che lo rende, a 82 anni, l’incarnazione dello stilista geniale»..

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo, E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove, Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post, Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli, È un modo per aiutare, è un hogan active one modo per avere ancora di più dal Post, È un modo per esserci, quando ci si conta..

Dopo il finto supermercato e il finto casinò, quest'anno Karl Lagerfeld ha hogan active one scelto di ambientare la sua sfilata in un finto aeroporto (un tema già usato in passato) L'ex modella ha scritto molti tweet per lamentarsi di come è stata trattata: "come un animale allo zoo" Sempre più aziende decidono di creare delle esposizioni su se stesse in musei o spazi per eventi, tra l'arte e la promozione pubblicitaria.

Vanessa Friedman, fashion editor del New York Times, ha affrontato in un recente articolo il lungo dibattito sull’opportunità che la moda sia impegnata e cerchi di incidere sul mondo reale. La questione è tornata d’attualità dopo che alcuni stilisti e fotografi hanno alluso alla crisi dei migranti nelle loro collezioni e nei loro servizi fotografici. Friedman spiega che la moda è spesso vista come “fuga dalla realtà” e ogni volta che chi lavora nel settore cerca di rifarsi all’attualità viene accusato di oltrepassarne i confini. L’opinione diffusa è anche che la moda sia puro svago e frivolezza e non sia in grado di capire e gestire le conseguenze mediatiche di un servizio fotografico impegnato o della presa di posizione su un dibattito in corso.

Nell’ultimo mese diversi episodi hanno attirato l’attenzione sull’argomento, Alla settimana della moda di Pargi gli stilisti di Valentino, Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, e lo stilista giapponese Junya Watanabe hanno fatto sfilare collezioni chiaramente ispirate all’Africa mentre nel mondo migliaia di  migranti partivano dall’Africa e dal Medio Oriente per arrivare in Europa. Per marcare ulteriormente hogan active one il messaggio, Watanabe ha organizzato la sua sfilata nel museo dell’immigrazione di Parigi, Gli stilisti hanno ricevuto critiche per non aver usato abbastanza modelle nere, e Chiuri e Piccioli sono stati accusati di aver semplificato eccessivamente la cultura africana, facendo sfilare le modelle con le treccine tra i capelli, come nei più diffusi stereotipi..

Nello stesso periodo, il fotografo ungherese Norbert Baksa ha utilizzato la crisi dei migranti nell’Europa orientale come contesto di un servizio fotografico di vestiti di lusso, facendo posare una modella dietro il filo spinato e durante un confronto con la polizia. In questo caso Baksa è stato accusato, soprattutto sui social network, di sfruttare una crisi globale e di rendere patinata una situazione grave. Il fotografo ha spiegato che il suo obiettivo era di far riflettere su quel che stava accadendo anche attraverso il suo lavoro.

Friedman si chiede quanto il mondo della moda possa permettersi di prendere posizione su temi cosiddetti impegnati: «Quando si sforza di farlo, o quando qualsiasi cosa che la riguardi tocca materie politiche o sociali, sembra finire male, scatenando un’ondata di sdegno sui social network – a volte legittimo, a volte meno – che diventa di per sé una notizia, Ma qual è l’alternativa? Non esporsi affatto?» Friedman racconta che in un’intervista per il Financial Times di qualche anno fa Franca Sozzani, direttrice di Vogue Italia, le spiegò la decisione di pubblicare sul numero di luglio del 2008 servizi fotografici con sole modelle nere dicendo che «La moda non riguarda i vestiti, Ma la vita, Non possiamo scrivere sempre di fiori, merletti e acquamarina», Quella di Sozzani era una risposta alle polemiche dell’anno prima, quando Bethann Hardison – ex hogan active one modella afroamericana e fondatrice di Diversity Coalition, associazione che combatte le discriminazioni razziali nel mondo della moda – aveva accusato, in una conferenza stampa a New York, l’industria della moda di discriminare le minoranze..

Com’è facile immaginare, non è certo la prima volta che la moda si inserisce, in modo spesso provocatorio, su temi politici o sociali d’attualità, Nel 1993 Jean Paul Gaultier hogan active one organizzò una sfilata ispirata agli ebrei chassidici, una setta ultra-ortodossa; nel 1996 Vogue America fotografò Kate Moss in vestito da sera tra le povere risaie del Vietnam; nel 1997 lo stilista turco Hussein Chalayan introdusse il chador nella sua collezione; nel 2000 sempre Galliano fece sfilare per Dior modelle che impersonavano i senzatetto..



Messaggi Recenti