Scarpe Adidas Superstar Donna - Italia Online Outlet

Acquista Online - Esplora il mondo Scarpe Adidas Superstar Donna | Spedizione Gratuita

Uno dei marchi di abbigliamento da surf (e non solo) più famosi del mondo, scarpe adidas superstar donna ha montagne di debiti e ha praticamente annullato il suo valore La storica società di macchine e pellicole fotografiche è uscita dalla procedura di fallimento, molto cambiata: e oggi compie 125 anni.

Mercoledì 14 agosto è morta a causa di un’emorragia cerebrale l’imprenditrice spagnola Rosalía Mera Goyenechea, che nel 1975 fondò il noto marchio di moda Zara: secondo Bloomberg era “la donna più ricca di Spagna”, grazie a un patrimonio di circa 5,5 miliardi di dollari (circa 4,1 miliardi di euro), Mera è anche famosa per essere stata la moglie di Amancio Ortega, assieme al quale ha fondato Zara, che secondo Forbes è il terzo uomo più ricco al mondo, Mera aveva 69 anni e quando è stata male si trovava in vacanza nell’isola di Minorca, scarpe adidas superstar donna nell’arcipelago delle Baleari, Secondo Reuters è morta nell’ospedale San Rafael di La Coruña, dove era stata trasportata d’urgenza dopo essere stata ricoverata nell’ospedale di Minorca, Non è chiaro se soffrisse già di malattie legate alla causa della morte..

Mera era nata nel 1944 a La Coruña ed era figlia di due operai: a 11 anni abbandonò la scuola per lavorare come commessa per un famoso marchio di abbigliamento spagnolo, La Maja, e a 22 anni sposò Amancio Ortega, che a sua volta faceva il commesso in un altro negozio di vestiti, Nel 1975, dopo essersi licenziati, decisero di aprire assieme il loro primo negozio a La Coruña: Ortega voleva chiamarlo “Zorba” (dal film Zorba il greco ) ma nello stesso quartiere c’era un bar con lo stesso nome, per non buttar via scarpe adidas superstar donna tutte le lettere dell’insegna, il nome diventò Zara..

Gli affari andavano bene, e nel 1985 i due decisero di fondare una società, la Inditex, con l’obiettivo di espandersi nei mercati stranieri; fra il 1988 e il 1990 aprirono negozi in Portogallo, a Parigi e a New York. Nel frattempo Mera e Ortega si separarono nel 1986 (divorziarono ufficialmente nel 1997). L’azienda ha continuato a crescere negli ultimi anni nonostante la crisi economica, grazie alla sua particolare strategia aziendale nella distribuzione e nel marketing. Ortega, 77 anni, ha lasciato la carica di presidente di Inditex nel 2011, ma detiene ancora circa il 60 per cento delle azioni del gruppo, mentre Mera e la loro figlia Sandra circa il 7 per cento. Inditex, che negli anni ha acquisito altri marchi di moda come Bershka e Pull and Bear, possiede circa 6.000 negozi in tutto il mondo e nel 2012 ha avuto ricavi per circa 15,9 miliardi di euro.

Oltre a Inditex Mera era coinvolta in altre attività imprenditoriali, fra cui la società di beneficenza Paideia e le società di produzione cinematografica scarpe adidas superstar donna Milou Films e Tornasol Films, Nel corso degli ultimi anni aveva dato pubblicamente il suo sostegno alle manifestazioni degli indignados  e aveva criticato i tagli del governo Rajoy alla sanità e all’istruzione, Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo..

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove. Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli. È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta. È stato firmato da 70 multinazionali, soprattutto europee, e sarà legalmente vincolante La nota azienda di abbigliamento statunitense è accusata di nuovo - stavolta in Svezia - di diffondere immagini "degradanti" delle donne

Milano, 19 lug, (LaPresse) – Gli stilisti Dolce & scarpe adidas superstar donna Gabbana hanno deciso di chiudere tutti i loro negozi a Milano e il loro ristorante Gold in piazza Risorgimento in segno di protesta contro il Comune, A suscitare l’indignazione dei due stilisti sono state le parole dell’assessore al Commercio Franco D’Alfonso che ieri  a margine di un’intervista ha detto: “Non bisognerebbe concedere spazi simbolo della città a personaggi famosi e marchi vip che hanno rimediato condanne per fatti particolarmente odiosi in questo momento di crisi economica come l’evasione fiscale”, Il riferimento è alla recente condanna in primo grado inflitta ai due stilisti il 19 giugno per omessa dichiarazione fiscale ai fini di evadere le imposte, Immediata la reazione molto dura di Stefano Gabbana che su Twitter che ieri aveva scritto: “Comune fate schifo”..

Oggi sulle vetrine dei punti vendita scarpe adidas superstar donna della griffe è comparso il cartello: “Chiuso per indignazione, Closed for indignation” a beneficio dei clienti italiani e stranieri a caccia di saldi, Molti i clienti curiosi che si sono fermati davanti alle vetrine, stupiti dalla protesta, Tanti si sono fermati a leggere anche un articolo dei giorni scorsi, dal titolo ‘Il Comune chiude le porte a D&G’, A metà mattinata, una nota dell’ufficio stampa della griffe ha spiegato che: “Tutte le attività nella città di Milano, comprese l’edicola di via della Spiga 2, il Martini Bar, il barbiere e il Gold in via Risorgimento resteranno chiuse”, Nessun dettaglio, invece, sulla durata della protesta, Nessun commento da parte di palazzo Marino..



Messaggi Recenti